Recensioni » Dissidia -Final Fantasy-

 

Data di uscita: Giappone 18/12/08 - America 25/08/09 - Europa 4/09/09
Sviluppatore: Square Enix
Giocatori: 1 + multiplayer online
Autore della recensione: anima87
Versione del gioco: giapponese
Video: GameTrailers.com
Immagini: RPG no Oukoku - Gallery

cover giapponese

Nato come titolo per festeggiare in maniera degna il ventesimo compleanno della saga principale della Square Enix, Dissidia -Final Fantasy- resta come prima cosa un regalo che la società ha voluto fare a tutti i suoi fan.
Seconda cosa da precisare: il gioco rimane principalmente un fighting game, nonostante le caratteristiche da RPG siano tante, come potrete leggere.
Si possono individuare due macro aree: la componente "GdR-istica", ossia lo Story Mode, che ci narra la sfida tra gli schieramenti di Cosmos e Chaos, e la componente "diamocene di santa ragione".

Analiziamo per bene la prima: il mondo è in pericolo perché le forze del male, comandate da Chaos e i suoi dieci sottoposti, sono scese in campo e sta a Cosmos e i suoi 10 cavalieri difenderlo. Nostro compito, guidando un personaggio per volta, sarà raccogliere i cristalli che permetteranno al pianeta di salvarsi.
Inizia l'avventura: dopo un prologo, dove ci viene spiegata la situazione che vi ho appena descritto, Cosmos e il Warrior of Light ci daranno le prime indicazioni sul sistema di combattimento (leggete più in basso per un'analisi dettagliata) e su come avanzare negli stage; finito questo capitolo introduttivo, avremo a disposizione tutte e dieci le storie dei vari protagonisti di Final Fantasy. Ognuna ha un livello di difficoltà contrassegnato da delle stelle, si va dai più facili (Cloud) ai più impegnativi (Warrior of Light). Ogni storia è suddivisa in 5 stage, dove potremo trovare nemici, tesori, pozioni ed invocazioni; sarà presente anche una percentuale di completamento per ogni capitolo, per arrivare al 100% servirà rigiocarli diverse volte, visto che alcune aree sono inizialmente inaccessibili, vista la presenza di mostri opzionali di livello spesso molto superiore al vostro, visto che dovete sconfiggere tutti i mostri che pian piano appariranno, usare tutti gli oggetti che troverete e ricevere tutti i bonus che ci sono. Solo allora raggiungerete il 100% (insomma, molto difficile).

Dissidia Final Fantasy Dissidia Final Fantasy
Dissidia Final Fantasy Dissidia Final Fantasy

Una volta iniziato uno stage, avremo a disposizione un numero determinato di Destiny Points (DP): ogni volta che ci sposteremo dalla casella su cui stazionavamo, useremo uno di questi punti; a fine stage, a seconda di quanti DP avremo risparmiato riceveremo un bonus (Gil, oggetti, Purchase Points, invocazioni, equip) e dei punti extra che si sommeranno a quelli complessivi del capitolo, che ci vengono attribuiti a seconda di quanti "contatti" abbiamo fatto, con quanti HP siamo arrivati alla fine, quanti DP e quante volte abbiamo riprovato una battaglia. Questi punti, alla fine, serviranno a sbloccare nuove caselle, nuovi boss, nuovi tesori e anche dei Purchase Points (PP).
Alcuni mostri ci permetteranno di guadagnare dei DP bonus, l'importante sarà sconfiggerli riuscendo a soddisfare determinate condizioni come per esempio sconfiggere il nemico in meno di 10 secondi, mandarlo in Break (vediamo dopo che significa) o cose simili: è fondamentale sfruttare questi punti se si vogliono ottenere i bonus migliori a fine stage.
Sarà anche strategicamente importante fare a volte attenzione al percorso che si fa: se si decide di entrare in contatto con un mostro, ma in quella posizione ce n'è un altro di fianco a noi, si formerà una Chain, una catena; finito il primo scontro dovremo affrontare subito il secondo, senza possibilità di evitarlo. Ci sono mostri che basta passarci affianco per mandarlo direttamente in Chain (sono leggermente colorati di rosso), quindi bisogna fare un minimo di attenzione. E tanto per dovere di completezza: ogni battaglia persa toglie 10 punti al computo totale di fine stage, ogni ritiro dalle battaglie toglie istantanemente 2 DP.

Dissidia Final Fantasy Dissidia Final Fantasy Dissidia Final Fantasy
Dissidia Final Fantasy Dissidia Final Fantasy

A nostra disposizione, nel corso dei livelli, avremo alcune abilità che col passare del gioco aumenteranno sia in numero che in efficacia: per esempio, potremo togliere a un nemico già il 40% degli HP prima di iniziare lo scontro, cosa che aiuta non poco. La nota negativa è che queste abilità non si rigenerano cambiando stage, quindi vanno dosate nell'arco di tutto il capitolo. L'unico modo per farle tornare è usare un Ether che troveremo, non sempre, in una casella sulla mappa: questa sostituisce le abilità usate con alcune scelte a random.
Se sperate che aver fatto i 50 stage complessivi vi basti per finire il gioco vi sbagliate, perché una volta completate le 10 storie, si sbloccherà una nuova sezione, nominata Shade Impulse, composta da 4 capitoli per un totale di altri 17 stage. Allora sì, che potrete vedere i titoli di coda; ma non pensate che sia finita qui eh: no, perché vi si sbloccheranno altre tre sezioni, nominate Distant Glory - Heroes (serve per sbloccare Shantotto), Distant Glory - Villains (serve per sbloccare Gabranth) e la più difficile, Inward Chaos (nemici con livello da 92 in su).

Ma passiamo al secondo aspetto del gioco, quello più da picchiaduro: nel menù principale la seconda opzione ci porta alle Quick Battle, dove potremo scegliere chi comandare (previo acquisto nel catalogo, potremo usare anche i vari antagonisti), il nostro avversario e modificare molte opzioni come livello del nemico, tipologia di nemico (più propenso ad attaccare gli HP o a togliere Brave) e stage.
Dopo una schermata riassuntiva del nemico, inizia la battaglia: con l'analogico comanderemo il nostro personaggio, con le frecce direzionali si può modificare l'angolo della telecamera (comando piuttosto scomodo), con X potremo saltare, il tasto O sarà dedicato agli attacchi Brave (leggi sotto), il Quadrato a quelli per gli HP, il Triangolo serve per saltare da una piattaforma a un'altra o per salire sui muri o sfruttare dei percorsi presenti sul terreno; mentre con L potremo cambiare obiettivo (nemico o EX Core), con il tasto R potremo cercare di parare i colpi. Con quest'ultimo tasto si possono effettuare altre combinazioni: con la X potremo schivare, col Quadrato potremo andare in EX Mode, col O attiveremo le invocazioni equipaggiate, mentre col Triangolo usare il Dash.

Come ogni scontro a questo mondo, per porvi fine bisognerà portare a 0 gli HP del nemico, che sono visualizzati grazie alla barra azzurra in basso sullo schermo; il numero grande non rappresenta la vita del personaggio, bensì i Brave Points (BP). Per la serie: e ora che cavolo è 'sta storia? Semplice: i danni che potete infliggere al nemico. Per questo sarà buona norma cercare di aumentare questo numero prima di sferrare un attacco col Quadrato, altrimenti i danni saranno minimi e ci impieghereste parecchio prima di vincere... Naturalmente la stessa cosa vale per il nemico. Con gli attacchi Brave potrete sottrarre al nemico i Brave Points, aumentando così i danni potenziali che potrete arrecare e facendo calare quelli avversari. Una volta che un personaggio ha 0 BP, entra in status Break: non potrà aumentare il proprio livello di Brave e non potrà infliggervi danni finché non sarà finito questo status, che svanisce o con un attacco HP messo a segno o col tempo.
I vantaggi invece di mandare in Break l'avversario consistono nell'aumento dei propri BP: infatti oltre alla quantità in possesso, verranno aggiunti come bonus quelli della Brave Pool, che sono quelli segnati al centro tra le due barre HP.
Tutto ciò fa diventare quello che sembra un action quasi "button-smashing" molto più strategico di quanto possa sembrare, naturalmente fino a certi limiti...
Quella del Brave è un'arma a doppio taglio: di certo rimane un buon sistema, ma si rischia spesso di venire uccisi dal nemico anche con un solo colpo, nonostante la battaglia sia stata sempre nelle nostre mani. Non ci si può distrarre mai...
Oltre alle varie abilità che col passare dei livelli impareremo, avremo a disposizione anche una modalità speciale: l'EX Mode. Per entrare in questo status, dovremo prima riempire la barra che si trova affianco al nostro indicatore HP (EX Gauge); per far questo, dovremo raccogliere l'EX Force, un'energia particolare che si presenta sotto forma di sferette, che nascono dopo ogni attacco. Dopo qualche minuto potremo trovare sul campo di battaglia anche un EX Core, una concentrazione di EX Force che ci permetterà di ricaricare l'EX Gauge più rapidamente. Una volta in EX Mode, potremo godere di diversi bonus, che variano da personaggio a personaggio, con abilità nuove e anche il rigene sempre attivato; ma al primo colpo HP messo a segno in EX Mode, apparirà un quadrato sullo schermo: è il segno che stiamo per sferrare un EX Burst, una tecnica speciale. Per ottenere un Perfect bisognerà o premere correttamente dei tasti, o avere tempismo o premere velocemente un tasto (a seconda del personaggio). Se si subisce questa tecnica, apparirà una barra che ci permetterà di aumentare la nostra difesa, facendo attenzione a non premere troppe volte il tasto O, altrimenti avremo l'effetto contrario.

Dissidia Final Fantasy Dissidia Final Fantasy Dissidia Final Fantasy
Dissidia Final Fantasy Dissidia Final Fantasy

A fine battaglia otterremo come al solito esperienza (EXP), punti abilità (AP), eventuali oggetti e accessori. Esatto: i personaggi avranno il loro personale equipaggiamento, come in qualunque classico capitolo della saga.
Premendo il tasto Triangolo potremo accedere alla sezione di customizzazione dei personaggi: iniziamo dalla prima opzione, le abilità. Ogni personaggio avrà a disposizione sei tipi di attacchi HP e sei Brave (tre a terra e tre in aria, per ciascuna categoria), con la possibilità (a livelli alti) di aggiungerne un altro concatenato. Avremo poi una valanga di abilità di supporto, alcune davvero indispensabili come il dash aereo, ma anche molte difensive e per contrattaccare. Però, perché c'è un però, avremo a disposizione dei punti, chiamati Capacity Points (CP), che limiteranno il numero di abilità equipaggiabili.
Oltre agli equip potremo dotarci di un'invocazione da usare in battaglia: queste possono essere di due tipi, o automatiche, che si attivano non appena si verifica una determinata condizione (varia a seconda della creatura che invochiamo), o manuali, che si attiveranno non appena premeremo R+O. Dopo alcune volte che vengono usate, le evocazioni "si scaricano": serviranno alcune battaglie prima di poter tornare a nostra disposizione.
Avremo a disposizione anche un negozio, dove poter comprare una lista molto variegata di item (armi, protezioni varie, accessori) che pian piano si sbloccheranno col passare del gioco; sarà possibile comprare anche alcuni bonus speciali che saranno di grande aiuto in battaglia. Però per avere questi ultimi, per gli equip e gli accessori di alto livello, non dovrete spendere solo dei Gil, ma anche dare in cambio alcuni oggetti, a volte anche rari.

Prima vi ho parlato dei Purchase Points (PP): vediamo di spiegare a cosa servono. Nel menù principale è presente la voce PP Catalogue, ossia una sezione dove potrete acquistare (spendendo PP) nuovi personaggi (tutti gli antagonisti, Shantotto e Gabranth), nuove versioni dei personaggi (come per esempio Cloud dell'Advent Children), ma anche nuovi stage di combattimento, bonus per la modalità online, bonus per il nostro giorno speciale, nuove icone provenienti dai vari Final Fantasy, musiche e molto altro ancora.
Buona parte di questi extra sono consultabili nella sezione Museum, dove ci sono schede dettagliate su ogni personaggio (con possibilità di vedere il suo modello 3D, anche con i vestiti comprati nel catalogo), su ogni invocazione presa, tutti i filmati del gioco che abbiamo sbloccato, i nostri record di battaglia e la possibilità di rivedere le battaglie che abbiamo salvato.

Già cercare di completare al massimo il museo ci farà passare molte ore di gioco, ma non basta! Abbiamo due modalità ancora, che sono praticamente infinite: la Modalità Online e il Duel Coliseum!
La prima non ha bisogno di grosse spiegazioni: potremo effettuare scontri con altri giocatori in modalità locale, oppure contro dei ghost; anche qui di bonus ce ne sono, come gli Artifact; sarà possibile inoltre, tramite la sezione Communication, sfruttare delle password che troveremo nel gioco e sbloccare così icone speciali nel museo (tra le quali quelle relative alla compilation Fabula Nova Crystallis) e nuovi ghost da combattere.
Il Duel Coliseum invece è una sezione che si può facilmente sfruttare per l'allenamento dei personaggi; dopo aver scelto che combattente usare, potremo decidere in che categoria cimentarci: ne abbiamo quattro, a seconda del livello dei nemici: la prima va da livello 1 a 30, la seconda da 31 a 60, la terza da 61 a 90, l'ultima da 91 a 130. Affronteremo degli scontri in rapida successione: ogni vittoria ci darà in premio alcune medaglie, che potranno essere spese quando appariranno delle carte tesoro (danno in premio alcuni oggetti, spesso utili negli scambi nei negozi); però attenzione, perché ogni sconfitta ci costerà un determinato numero di medaglie. Oltre ai nemici e agli oggetti, avremo le Job Card: ci daranno alcuni vantaggi, ma attenzione alle carte status, che al contrario ci causeranno non pochi problemi (dimezzare medaglie, niente recupero degli HP a fine scontro, niente tesori, ecc..).

Per finire la parte del gameplay, parliamo di una piccola chicca che ogni giorno ci porterà qualche bonus: il Mogunet! Infatti i simpatici moguri ci invieranno ogni giorno qualche lettera, dando a volte qualche consiglio sul gioco, oppure vi faranno dei quiz sulla serie.
La scelta del giorno speciale farà in modo che i bonus in quel frangente aumentino, con aiuti extra come EXP, Gil, AP e PP in più, che potrete aumentare ulteriormente comprando le specifiche voci nel Catalogo.

Concludendo questa analisi dettagliata del gioco, come non parlare del livello raggiunto dalla grafica, con ottimi filmati in CG (pari al Crisis Core, giusto per farsi un'idea) e un'ottima resa dei personaggi, ridisegnati totalmente secondo il design di Tetsuya Nomura: certo, questo aspetto può far storcere il naso per chi non ama il suo stile, oppure era abituato alle versioni originali dei personaggi, ma tutto sommato non è così tragico come può sembrare.
Dal punto di vista sonoro, il gioco contiene tutti i più grandi successi della saga, con circa tre brani riarrangiati provenienti da ciascun Final Fantasy, con altre tracce bonus (in versione originale) acquistabili nel Catalogo. I brani creati appositamente per Dissidia -FF- non sono epici e memorabili come possono essere gli altri, ma si attestano su livelli più che soddisfacenti. Il doppiaggio, invece, è assolutamente impeccabile, la scelta delle voci è stata ottimale, anche quelle più a rischio (Cefca su tutti) si sono rivelate essere molto azzeccate.

Nonostante tutto, le paure che questo gioco si rivelasse essere mediocre, atto solo a mostrare i personaggi della saga tutti insieme, sono state scacciate, visto che il titolo è oggettivamente molto valido. La trama non è di certo il punto di forza del gioco, essendo molto lineare e non chissà quanto originale, però come canovaccio per mettere in scena i vari proragonisti funziona abbastanza bene; tecnicamente il gioco è molto curato, non è solo "premiamo tasti alla cieca", poi la customizzazione dei personaggi raggiunge livelli alti, permettendo al giocatore di sbizzarrirsi con varie combinazioni di attacchi e diversi set di equipaggiamenti. Tutto ciò, condito con la modalità online e il Duel Coliseum, porta la longevità del gioco molto in alto (personalmente ho superato le 80 ore e me ne manca di roba).
Chi è fan della serie non potrà non amare questo gioco alla follia, i più obiettivi troveranno qualche difetto, ma dovranno comunque riconoscere l'effettivo valore del titolo.

Voti finali:
Trama: 7
Gameplay: 8,5
Sonoro: 8,5
Grafica: 8,5
Longevità: 9,5

Totale: 8,5

Design downloaded from free website templates and Free CSS Templates.